I capelli sono costituiti da proteine solide, come la cheratina, in una percentuale compresa fra il 65 e il 95%, e per il resto da acqua, lipidi, pigmenti ed oligoelementi. Altra proteina solida è la melanina che conferisce il colore al capelloLa cheratina è composta dagli amminoacidi lisina e cistina, presenti nelle carni bianche e rosse, nel pesce, nel fegato e in alcuni tipi di verdure.

Altre sostanze importanti nella vita del capello sono il ferro, che possiede un ruolo primario nella sintesi dell’emoglobina del sangue per l’ossigenazione dei tessuti; a seguire, zinco, magnesio e infine il rame, che partecipano al processo di formazione della melanina.

Sotto forma di lanugine si formano già nel quarto mese di vita fetale. Crescono a una velocità di circa 0,3 mm al giorno (1 cm al mese, circa 3,5·10-9 m/s soprattutto fra le 10 e le 11 e fra le 16 e le 18): questo valore può però mutare notevolmente da una persona all’altra. Il capello è soggetto ad un ciclo di crescita della durata di 2-6 anni (ma sono documentati cicli di oltre 10 anni). Alla fine di ciascun ciclo il capello cade e viene sostituito.

Il colore dei capelli è dato dalla melanina, sostanza colorata. Ne esistono di due tipi: l’eumelanina, scura (capelli neri); e la feomelanina, chiara (capelli biondi, dorati, rossi). Nei capelli biondi i pigmenti di melanina sono presenti nella sola cuticola, mentre nei colori che vanno dal castano al nero sono presenti anche nello strato midollare. Nei capelli rossi i pigmenti di melanina sono sostituiti da pigmenti solubili diffusi.

Possono anche cambiare improvvisamente colore. I capelli sono anche ricchi di minerali, che variano a seconda del loro colore: il ferro è più abbondante nei capelli rossi, il magnesio in quelli neri, il piombo nei capelli castani.

Capelli neri

Esistono diverse accezioni per questa espressione, comunque queste si possono riassumere in 2 filoni principali: Il primo sostiene che l’accezione “mora” indichi una persona dai capelli molto scuri tendenti al nero (anche neri). Questa accezione ad esempio sarebbe suffragata dalle frasi del tipo: “Le more piacciono più delle bionde” oppure le classiche domande “Meglio le more o le bionde?” che indicherebbero la dissonanza completa tra i due colori. Contrariamente la seconda linea di pensiero sostiene che sia un’espressione quasi dialettale, con la quale si indica un colore di capelli che può andare, con varie tonalità dal castano scuro al nero (escluso). La differenza è molto sottile ma bisogna tenerla in considerazione, in modo da non rischiare il fraintendimento durante una conversazione.

Capelli castani

Come castani si intendono quei capelli il cui colore è compreso tra il bruno e il biondo, simile appunto a quello delle castagne. È tipico delle popolazioni europee.

Capelli rossi

La colorazione rossa dei capelli è legata ad un gene recessivo e ha probabilità 1/4 di presentarsi in una coppia di genitori che non hanno i capelli rossi ma hanno entrambi la presenza del gene suddetto. Per una coppia di genitori in cui entrambi hanno i capelli rossi vi è invece la certezza che la prole avrà capelli rossi. I capelli rossi sono associati anche ad altre caratteristiche corporee, in particolare pelle bianca con presenza di efelidi.

Capelli biondi

Con biondi si intendono i capelli il cui colore tende al giallo (con varie possibili sfumature e gradazioni: dal giallo paglierino al giallo oro carico). Tipici delle popolazioni nordiche dove il clima è più freddo, generalmente i capelli biondi sono più sottili degli altri capelli.

Capelli bianchi

Il capello, con il passare degli anni tende a diventare di colore bianco. Questo fenomeno, detto incanutimento o canizie, è un fenomeno naturale causato dall’improvvisa e totale perdita dello scambio enzimatico tra la tirosina e i melanociti di un’unità pilare; l’età media della comparsa è tra i 30 ed i 40 anni sia per gli uomini che per le donne. Le cause principali che influiscono nella crescita dei capelli bianchi di un individuo possono essere genetiche, metaboliche, nutritive, e psicologiche.

Il fenomeno della calvizia tuttavia può verificarsi in età precoce (non dovuto ad invecchiamento), in casi di traumi psichici, stress ed emozioni violente. La calvizie congenita è invece dovuta al fenomeno dell’albinismo.

alopecia androgenetica capelli for you

Alopecia Androgenetica e Alopecia Areata

ALOPECIA ANDROGENETICA: l’alopecia androgenetica o calvizie è uno dei problemi più diffusi. Si stima che colpisca l’ 80% degli uomini e il 50% delle donne purtroppo sempre più in aumento. I fattori che causano questo tipo di calvizie sono due: Gli ormoni androgeni e l’ereditarietà. Contrariamente a quello che si possa pensare nel maschio non…

Dettagli

Problemi e soluzioni

Poche persone, sia uomini che donne, possono tranquillamente affermare di essere soddisfatte dell’aspetto dei propri capelli. Chi più chi meno dobbiamo convivere con i loro difetti che, alcune volte sono genetici, altre volte dipendono da come li trattiamo o da come li nutriamo anche e soprattutto attraverso la nostra alimentazione quotidiana. Passiamo in rassegna alcuni…

Dettagli

Richiedi un consulto Gratuitoclear